tesseramento 2018

Tesseramento Sociale 2018

tesseramento 2018fbCome ogni anno, si rinnova a partire dal mese di Novembre l’appuntamento con il tesseramento sociale, valido per l’anno 2018.
Mercoledì 1 Novembre, l’associazione Pro Loco di Ferentino sarà presente in Piazza Matteotti, dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 17:30, per offrire a tutti gli iscritti e a chi volesse sostenere per la prima volta la nostra associazione la possibilità di rinnovare la propria tessera. Ad ogni nuovo iscritto o socio che rinnoverà il suo tesseramento sarà consegnata una pubblicazione, da scegliere tra quelle proposte dalla Pro Loco, ed il nuovo numero di “Frintinu Me”.
Con l’occasione, nello spazio riservato alla Pro Loco sotto i Portici di Piazza Matteotti, verrà allestita l’esposizione delle fotografie relative all’ultimo Palio di San Pietro Celestino.
Il tesseramento proseguirà nei giorni successivi, presso la sede della Pro Loco.

slide_grande_rid

Tesseramento Sociale 2017

tesseramento 2017

fernanda-borgo-06-10-1915

Centenario presso la Casa di Riposo Rosa Iole

Il sindaco Antonio Pompeo: Con vivo piacere porgo gli auguri sentiti e sinceri dell’Amministrazione Comunale e i miei personali alle centenarie signore Fernanda e Giacoma. Un traguardo importante, occasione per ribadire la irrinunciabile importanza del mantenere vivi gli affetti più cari e riservare ai nostri anziani tutta la cura e l’attenzione, quale prezioso patrimonio di tradizioni, valori e ideali che sono da sempre alla base della nostra comunità. Nei prossimi giorni porteremo loro personalmente un omaggio e un saluto a nome di tutti i concittadini.• fernanda-borgo-06-10-1915Fernanda Borgo (101) Vicenza 06.10.1915- Giovedì 6 ottobre la signora Fernanda Borgo compie 101 anni. Nata a Vicenza il 06.10.1915 la signora Fernanda ha avuto tre figlie e ha lavorato come parrucchiera nel negozio di proprietà, essendo residente a Ferentino da oltre 30 anni. Molto conosciuta e stimata la sua famiglia, in considerazione della gestione per tanti anni del deposito della Sammontana, sotto la direzione della figlia Nadia Vergani.

• Giacoma Barraco (102) La signora Giacoma Barraco è nata a Mazzara del Vallo il 12.10.1914
Non sposata, non ha parenti a Ferentino. Ospite presso la residenza Rosa Iole

vincenzino-964-830x332

L’ addio a Vincenzino Ludovici

Se non fosse in una camera ardente sarebbe un’opera d’arte: vestito in una delle sue giacche d’un elegante verde informale, una lunga sciarpa pronta per essere girata al collo, pennelli in mano e quattro gessetti di colore diverso appoggiati sull’inseparabile berretto tondo deposto ora sul quadricipite. L’artista Vincenzino Ludovici si presenta così di fronte alla morte: con un’ultima risposta ribelle e beffarda a quel Destino che credeva di riuscire a toglierlo, in meno di un anno, alla sua arte.

Invece il maestro Vincenzino, docente per vent’anni alle Accademie di Belle Arti a Firenze come a Carrara, Reggio Calabria come a Roma, testardo e ribelle fino all’ultimo, va all’appuntamento finale esibendo i colori che hanno illuminato la sua lunga vita da artista, stringendo gli strumenti con i quali per più di quarant’anni ha dato forma all’arte.

Umilia la morte, la tiene fuori anche dalla stanza dove si celebra l’ultimo incontro con gli amici venuti a rendergli omaggio: si fa tenere compagnia da una dolcissima Madonna con Bambino che Vincenzino ha finito di dipingere appena due giorni prima di entrare in agonia, talmente bella che è impossibile togliere lo sguardo. In quella camera ardente i protagonisti sono lei ed il suo creatore, non la morte.

L’ultima beffa poi è degna di un maestro. Mentre a Ferentino Vincenzino Ludovici chiudeva gli occhi, a Mantova si apriva una mostra nella quale la prima opera all’ingresso della galleria è uno dei suoi vetri. Nel momento in cui finisce la creazione inizia la celebrazione: senza nemmeno un minuto di oblio. Già immortale.

Proprio come è ogni artista del suo calibro. Come era diventato lui che aveva iniziato a dipingere che era ancora un ragazzino, durante quegli Anni Settanta pieni di ideali, illusioni e rivoluzione. Maestro dell’informale e del concettuale, si muoveva sulla scia dei grandi che lo avevano ispirato: Schifano, Toti Scioloja, Tano Festa.

Inquieto ed insoddisfatto, scappava ostinatamente dalla banalità: temeva di rimanere intrappolato in un genere. E a lui non bastava.

Così come, nel momento in cui poteva considerarsi un pittore affermato, decide che i pennelli non gli bastano più per esprimere a pieno ciò che ha dentro. E’ una voglia che sgorga sotto forma di arte, in continuazione, ogni volta diversa, con la quale non raccontare necessariamente uno stato d’animo ma anche solo “gesto istintuale”. Vincenzino era artista per il piacere di fare arte.

Inizia allora il periodo in cui si appassiona ai materiali, alla plasticità, si innamora di loro e di quello in cui può trasformarli per dare forma alla sua insaziabile voglia di bello e di libero. Finiti tra le sue mani, elementi come bronzo, plexiglas, legno, marmo, resina, smettono di essere oggetti ed assumono forma e anima, talvolta espressione e diventano veicolo di emozione.

L’Italia è uno scenario troppo piccolo per contenere un genio così eclettico. Arriva il momento di girare. Risiede per un periodo in Libano dove di lui resta oggi una scultura che rappresenta il martirio della Terra dei cedri, lo chiamano a Cipro e realizza due vetrate ed un mosaico nella chiesa di santa Caterina dei francescani di Terra Santa.

Ma il cuore è Ferentino. E’ li che fissa la sua sede, il suo laboratorio, l’asilo per la sua creatività lasciata libera di scorrazzare e prendere forma, in un quadro o un mosaico oppure una scultura. E’ lì che dipinge quella Madonna: come i grandi della musica, Beethoven o Mozart che si composero la Messa da Requiem, Vincenzino si è disegnato la Madonna con cui dire alla Morte che ha portato via solo Vincenzino. E non la sua arte.

Alessio Porcu

articolo

r_luigi_sonni

Ferragosto nella città fantasma… Lo sfogo del presidente Luigi Sonni

Non decolla il turismo a Ferentino, anzi va sempre peggio. E’ assai grave quanto accaduto a Ferragosto, in una città deserta. Per questo il presidente della Pro Loco cittadina Luigi Sonni, stanco della situazione di stasi che si protrae ormai da anni, attacca l’amministrazione comunale, in particolare un paio di assessorati sono finiti nel mirino. Lo sfogo di Sonni, particolarmente severo, viene evidenziato da una sua nota diffusa oggi, che dovrebbe far riflettere l’amministrazione cittadina.

r_panorama_sud1“Gli assessori al commercio e al turismo del Comune di Ferentino – tuona il presidente della Pro Loco Luigi Sonni – sembra che oggi abbiano recitato per il nostro centro storico il de profundis, il salmo penitenziale che si recita per i defunti. La mattina di Ferragosto nel centro storico di Ferentino, nel tratto Viale Marconi-Piazza Matteotti, non c’era un bar aperto, eppure vi sono almeno sette attività commerciali del genere. Alcuni turisti capitati, per loro sfortuna, a Ferentino a Ferragosto hanno avuto molte difficoltà per trovare anche un bicchiere d’acqua. Un gruppo composto da quattro coppie ha espresso il proprio disappunto per non aver potuto fare colazione in centro e non riuscire a prendere neanche un caffè; a mezzogiorno due disperati turisti australiani chiedevano dove poter acquistare una bottiglietta d’acqua, così la vicepresidente della Pro Loco li ha accompagnati in un distributore automatico in via XX Settembre; alle 13 un gruppo di giovani turisti venuti ad ammirare i monumenti storici di Ferentino, ha domandato al presidente della Pro Loco dove poter mangiare qualcosa in centro ed avere modo di proseguire la visita nel pomeriggio, anche in questo caso l’unica possibilità è stata arrangiarsi presso il distributore automatico. Difficilmente queste persone torneranno e molto probabilmente sconsiglieranno Ferentino come méta per visite turistiche. Ad ogni festività Ferentino diventa una città fantasma, un posto poco accogliente, un centro in qualche modo da evitare. E questa precarietà di servizi per i turisti si ripete spesso anche le domeniche pomeriggio, anche se con meno evidenza visto che qualche bar almeno resta aperto. Gli assessori dell’amministrazione comunale di Ferentino delegati al turismo e al commercio, ripetutamente sollecitati in merito da cittadini e associazioni, hanno mostrato scarso interesse per le situazioni descritte, molto probabilmente perché ritengono queste problematiche non di loro competenza o forse perché hanno una insufficiente coscienza del loro compito istituzionale. La situazione è seria. Il centro storico di Ferentino – denuncia altresì Sonni – sta subendo da diversi anni scelte amministrative discutibili e poco adeguate, ma la cosa ancor più grave è che nessun amministratore sembra rendersene conto. Non si può invitare il turista a visitare Ferentino e poi far trovare loro una desolazione vergognosa“. Dunque la speranza è che si volti pagina, nel senso che il turismo diventi una priorità assoluta per la rinascita del centro storico e per l’intera città.

(http://www.tg24.info/ferentino-ferragosto-nella-citta-fantasma-lo-sfogo-del-presidente-luigi-sonni/)

logo_unpli

5 x mille

logo_unpli

Carissimi cittadini , il Comitato del Lazio dell’U.N.P.L.I. ha selezionato la nostra Pro Loco come partner per la raccolta del 5 X 1000 a favore delle PRO LOCO Italiane, per lanciare la campagna

“CUSTODIAMO LA NOSTRA STORIA”

……. Basta una firma per dare un’importante contributo

Caro cittadino , ricorda che….
1 – il 5 x 1000 è una quota d’imposta , a cui lo stato rinuncia per destinarla alle organizzazioni no profit .
2 – nella tua dichiarazione dei redditi devi firmare e scrivere il Codice Fiscale dell’UNPLI 91031800583.
3 – Puoi donare il 5 x 1000 anche se non devi presentare la dichiarazione dei Redditi . Per farlo basta recarsi presso gli Uffici Postali o ad un CAF.
4 – Il tuo generoso gesto è molto importante , abbiamo bisogno di migliaia di gesti come il tuo , comunica la tua scelta ai tuoi amici e invitali a donare il 5 x 1000 all’UNPLI .